Bitcoin dominerà nel campo monetario, Parte #3

di Vijay Boyapati

Nel ventesimo secolo, gli stati hanno monopolizzato l’emissione di moneta e hanno continuamente minato il suo uso come riserva di valore, creando una falsa convinzione che il denaro sia principalmente definito come mezzo di scambio. Molti criticano Bitcoin come un denaro inadatto perché il suo prezzo è stato troppo volatile per essere adatto come mezzo di scambio. Questo ragionamento mette il carrello davanti ai buoi. Il denaro si è sempre evoluto in fasi, con il ruolo di riserva di valore che precede il ruolo di mezzo di scambio. Uno dei padri dell’economia marginalista, Stanley Jevons, ha spiegato che:

Storicamente parlando … l’oro sembra essere servito, in primo luogo, come merce preziosa per scopi ornamentali; in secondo luogo, come ricchezza immagazzinata; in terzo luogo, come mezzo di scambio; e, infine, come una misura di valore.

Usando la terminologia moderna, il denaro si evolve sempre nelle seguenti quattro fasi:

  1. Da collezione. Nella primissima fase della sua evoluzione, il denaro sarà richiesto unicamente in base alle sue proprietà peculiari, diventando di solito un capriccio del suo possessore. Conchiglie, perline e oro erano tutti oggetti collezionabili prima di passare in seguito al ruolo più familiare del denaro.
  2. Deposito di valore. Una volta che questi oggetti sono richiesti da un numero sufficiente di persone per le loro peculiarità, saranno riconosciuti come mezzo per conservare valore nel tempo. Più un bene diventa ampiamente riconosciuto come una adeguata riserva di valore più il suo potere d’acquisto aumenterà insieme alle persone che lo utilizzano per questo scopo. Il potere d’acquisto di una riserva di valore finirà per crollare quando sarà ampiamente diffuso e l’afflusso di nuove persone che lo desiderano come una riserva di valore diminuirà.
  3. Mezzo di scambio. Quando il denaro è completamente consolidato come riserva di valore, il suo potere d’acquisto si stabilizzerà. Essendosi stabilizzato nel potere d’acquisto, il costo opportunità dell’uso del denaro per completare gli scambi diminuirà a un livello in cui è adatto all’uso come mezzo di scambio. Nei primi anni di Bitcoin, molte persone non apprezzavano l’enorme costo opportunità dell’uso di bitcoin come mezzo di scambio, piuttosto che come un incipiente deposito di valore. La famosa storia di un uomo che ha pagato 10.000 bitcoin (per un valore di circa $94 milioni) per due pizze illustra questa confusione.
  4. Unità di conto. Quando il denaro è ampiamente utilizzato come mezzo di scambio, le merci saranno valutate in unità di esso. Ad esempio, il rapporto di cambio rispetto al denaro sarà disponibile per la maggior parte delle merci. È un comune malinteso che i prezzi del bitcoin siano oggi disponibili per molti prodotti. Ad esempio, mentre una tazza di caffè potrebbe essere acquistata utilizzando bitcoin, il prezzo indicato non è un vero prezzo bitcoin; piuttosto è il prezzo in Eur desiderato dal commerciante tradotto in termini bitcoin all’attuale tasso di cambio del mercato EUR / BTC. Se il prezzo del bitcoin dovesse scendere in termini di Eur, il numero di bitcoin richiesti dal commerciante aumenterebbe in modo proporzionale. Solo quando i commercianti sono disposti ad accettare bitcoin per il pagamento senza riguardo al tasso di cambio bitcoin rispetto alle valute legali, possiamo veramente pensare che Bitcoin sia diventato un’unità di misura.

I beni monetari che non sono ancora un’unità di conto possono essere considerati come “parzialmente monetizzati”. Oggi l’oro ricopre tale ruolo, essendo un deposito di valore ma essendo stato privato del suo mezzo di scambio e dei ruoli di unità di conto con l’intervento del governo. È anche possibile che un bene riempia il ruolo di scambio del denaro mentre un altro bene riempie gli altri ruoli. Questo è tipico in paesi con stati disfunzionali come l’Argentina o lo Zimbabwe. Nel suo libro Digital Gold, Nathaniel Popper scrive:

In America, il dollaro serve perfettamente le tre funzioni del denaro: fornire un mezzo di scambio, un’unità per misurare il costo delle merci e una riserva in cui il valore può essere immagazzinato nel tempo. In Argentina, d’altra parte, mentre il pesos era usato come mezzo di scambio — per gli acquisti quotidiani — nessuno lo usava come riserva di valore. Mantenere i risparmi nel peso era equivalente a buttare via i soldi. Quindi le persone scambiavano tutti i pesos che volevano risparmiare in dollari, il che manteneva il loro valore migliore del pesos. Poiché il pesos era così volatile, la gente di solito ricordava i prezzi in dollari, che fornivano un’unità di misura più affidabile nel tempo.

Bitcoin sta attualmente passando dalla prima fase della monetizzazione alla seconda fase. Probabilmente passeranno diversi anni prima che Bitcoin passi dall’essere un incipiente deposito di valore ad essere un vero mezzo di scambio e il percorso necessario per arrivarci è ancora pieno di rischi e incertezze. È sorprendente notare che la stessa transizione ha richiesto molti secoli per l’oro. Nessuno essere umano vivente ha mai visto la monetizzazione in tempo reale di un bene, come sta accadendo con i Bitcoin, quindi c’è poca esperienza del percorso che questa monetizzazione richiederà.

Quale percorso?

Nel processo di monetizzazione, un bene economico aumenta il proprio potere d’acquisto. Molti hanno commentato che l’aumento del potere d’acquisto di Bitcoin crea l’apparenza di una “bolla”. Mentre questo termine è spesso usato in modo dispregiativo, suggerire che Bitcoin è grossolanamente sopravvalutato, è involontariamente giusto. Una caratteristica comune a tutti i beni monetari è che il loro potere d’acquisto è superiore a quello che può essere giustificato solo dal loro valore d’uso. In effetti, molti soldi storici non avevano alcun valore d’uso. La differenza tra il potere d’acquisto di un bene monetario e il valore di scambio che potrebbe richiedere per la sua utilità intrinseca può essere considerata come un “premio monetario”. Durante la transazione che un un bene percorre attraverso le varie fasi della monetizzazione (elencate nella sezione precedente) il premio monetario aumenterà. Il premio, tuttavia, non si muove in una linea diritta e prevedibile. Un bene (X) che e’ in fase di monetizzazione potrebbe essere superato da un’altra bene (Y) che è più adatto come moneta e il premio monetario di X potrebbe diminuire o svanire del tutto. Il premio monetario dell’argento scomparve quasi interamente alla fine del XIX secolo, quando i governi di tutto il mondo lo abbandonarono in gran parte come denaro a favore dell’oro.

Anche in assenza di fattori esogeni come l’intervento pubblico o la concorrenza di altri beni monetari, il premio monetario per un nuovo denaro non seguirà un percorso prevedibile. L’economista Larry White ha osservato che:

il problema con la storia della bolla, ovviamente, è che è coerente con qualsiasi percorso di prezzo, e quindi non fornisce alcuna spiegazione di un particolare percorso di prezzo

Durante il processo di monetizzazione di un bene ogni partecipante nel mercato tenta di anticipare la domanda aggregata degli altri partecipanti e quindi il premio monetario futuro. Poiché il premio monetario non è correlato ad alcuna utilità intrinseca, gli operatori di mercato tendono a far valere i prezzi del passato nel determinare se un bene monetario è conveniente o costoso e se acquistarlo o venderlo. La connessione della domanda corrente ai prezzi passati è nota come “dipendenza dalla strada” ed è forse la più grande fonte di confusione nella comprensione dei movimenti dei prezzi dei beni monetari.

Quando il potere d’acquisto di un bene monetario aumenta con la crescente adozione , le aspettative di mercato di ciò che costituisce “conveniente” e “costoso” si spostano di conseguenza. Allo stesso modo, quando il prezzo di un bene monetario crolla, le aspettative possono far credere in generale che i prezzi precedenti fossero “irrazionali” o eccessivamente gonfiati. Il path dependence del denaro è illustrato dalle parole del noto gestore di fondi di Wall Street, Josh Brown:

Ho comprato [bitcoin] a $ 2300 e sono raddoppiati immediatamente. Poi, mentre il prezzo si alzava, ho iniziato a pensare “Non posso comprarne di più”, anche se questo è un parere ancorato basato su nient’altro che il prezzo a cui l’avevo originariamente comprato. Poi, mentre cadeva nell’ultima settimana a causa di un giro di vite del governo cinese sugli scambi, ho iniziato a dire a me stesso: “Oh bene, spero che venga ucciso così posso comprarne di più”.

La verità è che le nozioni di “conveniente” e “costoso” sono sostanzialmente prive di senso in riferimento ai beni monetari. Il prezzo di un bene monetario non è un riflesso del suo flusso di cassa o di quanto sia utile, ma piuttosto è una misura di quanto ampiamente è stato adottato per i ricoprire i vari ruoli del denaro.

A complicare ulteriormente la natura dipendente dal percorso del denaro è il fatto che i partecipanti al mercato non agiscono semplicemente come osservatori spassionati, cercano di acquistare o vendere in previsione dei futuri movimenti del premio monetario, ma agiscono anche come evangelizzatori. Poiché non esiste un premio monetario oggettivamente corretto, il proselitismo degli attributi superiori di un bene monetario è più efficace che per un bene regolare, il cui valore è in ultima analisi ancorato al flusso di cassa o alla domanda di utilizzo. Il fervore religioso dei partecipanti al mercato Bitcoin può essere osservato in vari forum online in cui i proprietari promuovono attivamente i benefici del Bitcoin e la ricchezza che può essere tratta investendo in esso. Osservando il mercato dei Bitcoin, Leigh Drogen commenta:

Capite che Bitcoin è come una religione? Una storia che ci diciamo tutti e su cui concordiamo. La religione è la curva di adozione a cui dovremmo pensare. È quasi perfetto: non appena qualcuno entra, lo dice a tutti e va fuori a evangelizzare. Poi i loro amici entrano e iniziano a evangelizzare.

Mentre il paragone con la religione può dare al Bitcoin un’aura di fede irrazionale, è del tutto razionale che il singolo proprietario evangelizzi per un bene monetario superiore e che la società nel suo complesso si uniformi su di esso. Il denaro funge da fondamento per tutti gli scambi e risparmi, quindi l’adozione di una forma di denaro superiore ha enormi benefici moltiplicativi per la creazione di ricchezza per tutti i membri di una società.

La forma della monetizzazione

Mentre non ci sono regole a priori sul percorso che un bene monetario prenderà quando viene monetizzato, un modello curioso è emerso durante la relativamente breve storia della monetizzazione di Bitcoin. Il prezzo di Bitcoin sembra seguire un modello frattale di grandezza crescente, in cui ogni iterazione del frattale corrisponde alla forma classica di un ciclo di hype di Gartner.

Nel suo articolo sull’adozione speculativa di Bitcoin/teoria dei prezzi, Michael Casey afferma che i cicli di Gartner in espansione rappresentano fasi di una curva di adozione standard S seguita da molte tecnologie di trasformazione man mano che diventano comunemente utilizzate nella società.

Ogni ciclo di hype di Gartner inizia con uno scoppio di entusiasmo per la nuova tecnologia e il prezzo viene gonfiato dai partecipanti al mercato che sono “raggiungibili” in quella fase. I primi acquirenti in un ciclo di Gartner in genere hanno una forte convinzione sulla natura trasformativa della tecnologia in cui stanno investendo. Prima o poi il mercato raggiunge un crescendo di entusiasmo in quanto l’entrata di nuovi partecipanti che possono essere raggiunti nel ciclo è esaurita e il l’acquisto diventa dominato dagli speculatori più interessati a rapidi profitti che alla tecnologia sottostante.

Dopo il picco del ciclo di hype, i prezzi calano rapidamente e il fervore speculativo è sostituito dalla disperazione, dalla derisione pubblica e dalla sensazione che la tecnologia non sia affatto trasformativa. Alla fine il prezzo scende e forma un plateau in cui gli investitori originali che avevano una forte convinzione sono affiancati da una nuovo gruppo di persone che è stata in grado di sopportare il dolore dello schianto e che ha apprezzato l’importanza della tecnologia.

L’altopiano persiste per un periodo prolungato di tempo e forme, come la chiama Casey, un “basso stabile e noioso”. Durante l’altopiano, l’interesse pubblico per la tecnologia diminuirà, ma continuerà ad essere sviluppata e la raccolta di nuovi credenti crescerà lentamente. Una nuova base viene quindi impostata per la successiva iterazione del ciclo di hype, in quanto gli osservatori esterni riconoscono che la tecnologia non sta andando via e che investire in essa potrebbe non essere così rischioso come sembrava durante la fase di crollo del ciclo. La prossima iterazione del ciclo di hype porterà un gruppo molto più ampio di adottanti e sarà di gran lunga maggiore.

Pochissime persone che partecipano a un’iterazione di un ciclo di hype di Gartner anticipano correttamente l’aumento dei prezzi in quel ciclo. I prezzi raggiungono solitamente livelli che sembrerebbero assurdi alla maggior parte degli investitori nelle prime fasi del ciclo. Al termine del ciclo, una causa popolare viene in genere attribuita al crash dei media. Mentre la causa dichiarata (come un fallimento dello scambio) potrebbe essere un evento precipitante, ma non è la ragione fondamentale per la fine del ciclo. I cicli di hype di Gartner finiscono a causa dell’esaurimento dei partecipanti al mercato raggiungibili.

È interessante notare che l’oro ha seguito il modello classico di un ciclo di hype di Gartner tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni 2000. Si potrebbe ipotizzare che il ciclo di hype sia una dinamica sociale inerente al processo di monetizzazione.

Il ciclo di Gartner del Bitcoin

Dal primo scambio sul mercato nel 2010, il prezzo dei Bitcoin ha visto quattro importanti cicli di hype su Gartner. Con il senno di poi possiamo identificare con precisione le fasce di prezzo dei cicli di hype precedenti nel mercato Bitcoin. Possiamo anche identificare qualitativamente il tipo di investitori che sono stati associati ad ogni iterazione di cicli precedenti.

$0- $1 (2009 — Marzo 2011): il primo ciclo di hype nel mercato dei Bitcoin è stato dominato da crittografi, informatici e cyber-punk che erano già pronti a comprendere l’importanza dell’invenzione rivoluzionaria di Satoshi Nakamoto e che sono stati pionieri nello stabilire che il protocollo Bitcoin era privo di difetti tecnici.

$0- $30 (2009 — Luglio 2011): il secondo ciclo ha attirato sia gli early adopter della nuova tecnologia sia un flusso costante di investitori motivati ??ideologicamente che sono stati abbagliati dal potenziale di una moneta apolide. Libertari come Roger Ver erano attratti da Bitcoin per le attività anti-establishment che sarebbero diventate possibili se la tecnologia nascente fosse stata ampiamente adottata. Wences Casares, un brillante e ben collegato imprenditore seriale, è stato anche parte del secondo ciclo di hype di Bitcoin ed è noto per aver evangelizzato Bitcoin ad alcuni dei più importanti tecnologisti e investitori della Silicon Valley.

$250 — $1100 (Aprile 2013 — Dicembre 2013): il terzo ciclo di hype ha visto l’ingresso dei primi investitori comuni e istituzionali disposti a sfidare i canali di liquidità orribilmente complicati e rischiosi dove era possibile acquistare Bitcoin. La principale fonte di liquidità nel mercato durante questo periodo fu sul scambio di MtGox, con sede in Giappone, gestito da Mark Karpeles, notoriamente incompetente e mal funzionante, che in seguito fu arrestato per il suo ruolo nel crollo dello scambio.

Val la pena di osservare che l’aumento del prezzo di Bitcoin durante i suddetti cicli di hype è stato in gran parte correlato con un aumento della liquidità e la facilità con cui gli investitori potevano acquistare Bitcoin. Nel primo ciclo di hype non c’erano scambi disponibili e l’acquisizione di bitcoin avveniva principalmente attraverso il mining o lo scambio diretto con qualcuno che aveva già minato bitcoin. Nel secondo ciclo di hype, gli scambi rudimentali si sono resi disponibili, ma ottenere e proteggere bitcoin era troppo complesso per tutti tranne gli investitori più tecnologicamente esperti. Anche nel terzo ciclo di hype, restavano ostacoli significativi per gli investitori che trasferivano denaro a MtGox per acquisire Bitcoin. Le banche erano riluttanti ad occuparsi dello scambio e i venditori di terze parti che facilitavano i trasferimenti erano spesso incompetenti, criminali o entrambi. Inoltre, molti di coloro che sono riusciti a trasferire denaro a MtGox alla fine hanno subito perdite di fondi quando lo scambio è stato violato e successivamente chiuso.

Fu solo dopo il crollo dello scambio MtGox e una pausa di due anni nel prezzo di mercato del Bitcoin che si svilupparono fonti mature e profonde di liquidità; ad esempio gli scambi regolamentati come GDAX e broker OTC come Cumberland mining. Nel momento in cui è iniziato il quarto ciclo di hype nel 2016 è stato relativamente facile per gli investitori comuni acquistare bitcoin e proteggerli.

$1100- $19600? (2014-?):

Al momento della scrittura di questo articolo, il mercato dei Bitcoin sta attraversando il suo quarto ciclo di hype. La partecipazione all’attuale ciclo di hype è stata dominata da ciò che Michael Casey ha descritto come la “prima maggioranza” degli investitori comuni e istituzionali.

Poiché le fonti di liquidità si sono approfondite e maturate, i principali investitori istituzionali hanno ora l’opportunità di partecipare attraverso mercati regolamentati. La disponibilità di un mercato regolamentato apre la strada alla creazione di un ETF Bitcoin che introdurrà quindi la “tarda maggioranza” e “ritardatari” nei cicli successivi di hype.

Sebbene sia impossibile prevedere l’esatta grandezza del ciclo di hype corrente, sarebbe ragionevole congetturare che il ciclo raggiunga il suo zenit nell’intervallo da $20,000 a $50,000. Molto più alto di questo intervallo e Bitcoin avrebbe una significativa frazione della capitalizzazione dell’intero mercato dell’oro (l’oro e Bitcoin avrebbero capitalizzazioni di mercato equivalenti ad un prezzo bitcoin di circa $380.000). Una parte significativa della capitalizzazione di mercato dell’oro proviene dalle domanda delle banche centrali ed è improbabile che le banche centrali o gli Stati nazionali parteciperanno a questo particolare ciclo di hype.

L’entrata in scena degli stati-nazione

Il ciclo di hockey Gartner finale di Bitcoin inizierà quando gli stati nazione inizieranno ad accumularlo come parte delle loro riserve in valuta estera. La capitalizzazione di mercato di Bitcoin è attualmente troppo piccola per essere considerata una valida aggiunta alle riserve per la maggior parte dei paesi. Tuttavia, con l’aumentare degli interessi del settore privato e la capitalizzazione di Bitcoin si avvicina a 1 trilione di dollari diventerà abbastanza liquida per la maggior parte degli Stati ad entrare nel mercato. L’ingresso del primo stato che aggiungerà ufficialmente bitcoin alle loro riserve nazionali probabilmente innescherà una fuga precipitosa per gli altri stati a farlo anch’essi. Gli stati che saranno i primi ad adottare Bitcoin vedrebbero il più grande beneficio per i loro bilanci se Bitcoin alla fine diventasse una valuta di riserva globale. Sfortunatamente saranno probabilmente gli stati con regimi autoritari — dittature come la Corea del Nord — che si muoveranno più rapidamente accumulando bitcoin. La riluttanza a vedere tali stati migliorare la loro posizione finanziaria e la debolezza dei poteri esecutivi nelle democrazie occidentali li costringerà all’indecisione e ad essere i ritardatari nell’accumulare bitcoin per le loro riserve monetarie.

C’è una grande ironia nel fatto che gli Stati Uniti sono attualmente una delle nazioni più aperte nei confronti di Bitcoin, mentre Cina e Russia sono le più ostili. Gli Stati Uniti rischiano il più grande svantaggio dovuto allo loro posizione geopolitica se Bitcoin sostituirà il dollaro come valuta di riserva mondiale. Negli anni ’60 Charle de Gaulle criticò il “privilegio esorbitante” di cui godevano gli Stati Uniti dall’ordine monetario internazionale che aveva stipulato con l’accordo di Bretton Woods del 1944. I governi russi e cinese non hanno ancora carpito i vantaggi geo-strategici del Bitcoin come riserva di valore globale e sono attualmente preoccupati dagli effetti che potrebbe avere sui loro mercati interni. Come De Gaulle negli anni ’60, che minacciò di ristabilire il gold standard classico in risposta al privilegio esorbitante degli Stati Uniti, i Cinesi e i Russi col tempo capiranno i benefici nell’avere una grande posizione di riserva in moneta non sovrana. Con la più grande concentrazione di potere minerario Bitcoin residente in Cina, lo stato cinese ha già un netto vantaggio nel suo potenziale di aggiungere Bitcoin alle sue riserve.

Gli Stati Uniti sono orgogliosi di essere una nazione di innovatori con la Silicon Valley come un gioiello dell’economia statunitense. Finora, la Silicon Valley ha ampiamente dominato la conversazione con i regolamentatori sulla posizione che dovrebbero assumere nei confronti del Bitcoin. Tuttavia, il settore bancario e la Federal Reserve statunitense stanno finalmente avendo il loro primo sentore della minaccia esistenziale che Bitcoin pone alla politica monetaria USA se dovesse diventare una valuta di riserva globale. Il Wall Street Journal, noto per essere un megafono della Federal Reserve, ha pubblicato un commento sulla minaccia che Bitcoin pone alla politica monetaria statunitense:

C’è un altro pericolo, forse ancora più grave dal punto di vista delle banche centrali e dei regolatori: il bitcoin potrebbe non schiantarsi. Se il fervore speculativo nella criptovaluta è solo il precursore del fatto che è ampiamente usato come alternativa al dollaro, minaccerà il monopolio delle banche centrali sul denaro.

Nei prossimi anni ci sarà una grande lotta tra imprenditori e innovatori nella Silicon Valley, che tenteranno di mantenere il Bitcoin libero dal controllo dello stato, dal il settore bancario e dalle banche centrali che faranno di tutto per regolamentare il Bitcoin e prevenire che il loro potere di emettere denaro venga interrotto.

La transizione verso un mezzo di scambio

Un bene monetario non può diventare un mezzo di scambio generalmente accettato (la definizione economica standard di “denaro”) prima che sia ampiamente valutato, per la ragione tautologica che un bene che non è valutato non sarà accettato in cambio. Durante il processo di diventare ampiamente valutati, e quindi una riserva di valore, un bene monetario aumenterà nel potere d’acquisto, creando un costo opportunità per cederlo per l’uso in cambio. Solo quando il costo opportunità di rinunciare a un deposito di valore scende a un livello adeguatamente basso può passare a diventare un mezzo di scambio generalmente accettato.

Più precisamente, un bene monetario sarà adatto solo come mezzo di scambio quando la somma del costo opportunità e il costo di transazione del suo utilizzo in cambio scende al di sotto del costo nel completare una transazione senza di esso.

In una società basata sul baratto, la transizione di una riserva di valore verso un mezzo di scambio può verificarsi anche quando il bene monetario aumenta di potere d’acquisto perché i costi di transazione nel baratto sono estremamente alti. In un’economia sviluppata, dove i costi di transazione sono bassi, è possibile che una riserva di valore nascente e rapidamente apprezzata, come Bitcoin, sia utilizzata come mezzo di scambio, sebbene in un ambito molto limitato. Un esempio è il mercato delle droghe illecite in cui gli acquirenti sono disposti a sacrificare l’opportunità di detenere bitcoin per ridurre al minimo il rischio sostanziale di acquistare i farmaci utilizzando monete governative.

Esistono, tuttavia, importanti ostacoli istituzionali ad una riserva di valore (nascente) che vuole divenire un mezzo di scambio generalmente accettato in una società sviluppata. Gli Stati usano la tassazione come un mezzo potente per proteggere i loro soldi sovrani dal rimpiazzamento di beni monetari concorrenti. Non solo una moneta governativa gode del vantaggio di una fonte costante di domanda, poiché le tasse possono essere pagate solo in esso, ma inoltre i beni monetari concorrenti sono tassati ogni volta che vengono scambiati. Quest’ultimo tipo di tassazione crea un forte attrito nell’usare una riserva di valore come mezzo di scambio.

Tuttavia, l’handicap dei beni monetari basati sul mercato non costituisce un ostacolo insormontabile alla loro adozione come mezzo di scambio generalmente accettato. Se la fiducia in una moneta governativa viene a mancare, il suo valore può collassare in un processo noto come iperinflazione. Quando una moneta governativa diventa ipercinetica, il suo valore collasserà prima contro i beni più liquidi della società, come l’oro o un valuta estera come il dollaro USA, se disponibili. Quando non sono disponibili prodotti liquidi o la loro offerta è limitata, una moneta iperinflazionata collasserà contro beni reali come beni immobili e materie prime. L’immagine archetipica di un iperinflazione è un negozio di alimentari svuotato di tutti i suoi prodotti mentre i consumatori abbandonano rapidamente la moneta della loro nazione.

Alla fine, quando la fede è completamente persa durante un iperinflazione, la moneta governativa non sarà più accettata da nessuno e la società si tornerà al baratto o l’unità monetaria sovrana sarà stata completamente sostituita come mezzo di scambio da un altra. Un esempio di questo processo è stata la sostituzione del dollaro dello Zimbabwe con il dollaro USA. La sostituzione di una moneta governativa con una straniero è resa più difficile dalla scarsa presenza di valuta estera e dall’assenza di istituzioni bancarie estere per fornire liquidità.

La capacità di trasmettere facilmente Bitcoin, o altre monete digitali, attraverso i confini e l’assenza di un bisogno di un sistema bancario rende Bitcoin un bene monetario ideale da acquisire per le persone colpite da iperinflazione. Nei prossimi anni, mentre i fondi monetari continueranno a seguire la loro tendenza storica verso l’eventuale inutilità, Bitcoin diventerà una scelta sempre più popolare per i risparmi globali su cui rifugiarsi. Quando la moneta di una nazione verrà abbandonata e sostituita con Bitcoin, Bitcoin passerà dall’essere una riserva di valore in quella società a un mezzo di scambio generalmente accettato. Daniel Krawisz ha coniato il termine “iperbitconizzazione” per descrivere questo processo.

L’ultima parte di questa serie di quattro articoli verrà pubblicata domani e si parlerà delle tesi principali contro il bitcoin. Soprattutto si parlerà di come esse siano fallaci una volta che si comprende appieno la struttura economica che è stata discussa nelle precedenti parti di questa serie. Infine, si parlerà anche dei rischi che affronta bitcoin lungo la strada della completa monetizzazione.

[*] traduzione di Francesco Simoncelli: https://francescosimoncelli.blogspot.it/

=> Potete leggere la Parte 1 a questo indirizzo: https://francescosimoncelli.blogspot.it/2018/05/bitcoin-dominera-nel-campo-monetario.html

=> Potete leggere la Parte 2 a questo indirizzo: https://francescosimoncelli.blogspot.it/2018/05/bitcoin-dominera-nel-campo-monetario_29.html

=> Potete leggere la Parte 4 a questo indirizzo:


BLOCKCHAIN TOP
Investire in Ƀitcoin, Ethereum e le altre criptovalute, in modo semplice, veloce e pratico. Ora puoi!

⇒ Scarica GRATIS il piano d’azione ⇐



(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

___________

“Bitcoin dominerà nel campo monetario, Parte #3” è stato scritto da Francesco Simoncelli e pubblicato su Rischio Calcolato.

caricamento in corso, attendere prego...